Il portale d'informazione della tua città

Arrivano a Napoli gli Angeli del Bello: laser per ripulire il campanile di San Lorenzo Maggiore dalle scritte vandaliche

0 968

Sabato 13 aprile, a partire dalle ore 11, gli Angeli del Bello arrivano nel centro storico di Napoli, pronti a ripulire il campanile di San Lorenzo Maggiore dalla scritta vandalica “Mastiffs“, la quale deturpa da decenni il basamento del noto monumento.

L’iniziativa della squadra di volontari ed esperti anti-imbratto fiorentini, attiva da anni con grandi risultati nel capoluogo toscano, si inserisce in un più ampio progetto che sancisce, tra l’altro, la nascita del coordinamento degli Angeli del Bello di Napoli, ossia l’unione di 10 associazioni partenopee pronte a replicare le innovative tecniche, in uso a Firenze, al fine di attuare una lotta efficace ai tanti graffiti che imbrattano il patrimonio storico-artistico napoletano.

Oltre alla dimostrazione pratica, con l’utilizzo del laser Blaster 50W, dal valore economico di circa 60 mila euro, sarà annunciato anche il protocollo d’intesa con la Soprintendenza, volto anche alla programmazione futura degli interventi da realizzare.

Spiega infatti nel dettaglio Giuseppe Serroni, presidente del coordinamento Angeli del Bello di Napoli: “Il Coordinamento delle dieci associazioni culturali Angeli del bello di Napoli riunisce soggetti con comprovata esperienza nel settore della tutela, della valorizzazione e della promozione dei beni artistici ed architettonici di Napoli, per realizzare interventi di pulitura del patrimonio materiale del centro storico, patrimonio Unesco.

Gli interventi devono essere svolti con strumentazione tecnologica avanzata e personale qualificato e per questo ci siamo rivolti alla Fondazione Angeli del bello di Firenze, la quale fornirà il laser blaster, di ultima generazione, donato all’Onlus dalla El.en Spa di Calenzano (FI) ed alla restauratrice Marianna Musella. Fin dal nostro insediamento abbiamo perseguito la strada del dialogo con le Istituzioni per programmare interventi coordinati e condivisi. Siamo per ciò riconoscenti al Presidente della Municipalità IV Giampiero Perrella ed alla Soprintendenza di Napoli per aver sostenuto il nostro progetto”.

Soddisfatto il presidente della IV Municipalità Giampiero Perrella, il quale ha dichiarato: “Molti non sanno neanche che scrivere sui muri, deturpare un monumento storico è un reato penale. I beni artistici sono di tutti e devono essere tutelati. Ringrazio quindi gli Angeli del bello che ci consentono di utilizzare questo laser all’avanguardia per cancellare graffiti e scritte dai muri dei nostri palazzi storici e monumenti, con risultati di gran lunga migliori delle tecniche tradizionali.

Vogliamo applicare questa tecnologia anche ad altri complessi monumentali cittadini. Ed è per questo che abbiamo proposto un Protocollo d’intesa alla Soprintendenza per far partire già nelle prossime settimane una serie di interventi mirati in tutta la città. Grazie alla disponibilità del Coordinamento Angeli del Bello di Napoli e con il patrocinio di questa Municipalità sarà un modo per dimostrare il nostro amore verso Napoli”.

All’evento saranno presenti, per gli Angeli del Bello di Napoli, i seguenti membri: Giuseppe Serroni, Coordinatore e Presidente dei Sedili di Napoli; Elena Lopresti, Segretario del Coordinamento e Segretario Generale di Ancos Confartigianato Napoli; Francesco Muzio, volontario e Presidente di Ancos Confartigianato Napoli e membro di Ram; Antonio Pariante, volontario e Presidente del Comitato PortoSalvo; Giovanni Postiglione, volontario e membro di Locus Iste; Antonio Corradini, volontario e Presidente de Il Vaporetto.com e Antonio Barnabà della stessa Associazione; Sergio Miccu’ Presidente dell’ANP e Agostino Ingenito, Presidente dell’Abbac; Presidente della Municipalità 4, Giampiero Perrella; Antonio Alfano, volontario e Presidente dell’associazione No Comment; Paola Filardi e volontari dell’Associazione Agorà e volontari di altre associazioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.