Bujar Fandaj chiede scarcerazione per omicidio Vanessa Ballan

0
Bujar Fandaj Chiede Scarcerazi

Bujar Fandaj chiede scarcerazione per omicidio Vanessa Ballan - ilvaporetto.com

La richiesta di scarcerazione di Bujar Fandaj

Bujar Fandaj, il kosovaro di 41 anni accusato dell’omicidio di Vanessa Ballan, ha visto i suoi avvocati, Chiara Mazzocato e Daria Bissoli, chiedere la sua scarcerazione. I legali hanno impugnato al Riesame l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, sostenendo che non ci sia stata una confessione del delitto da parte del loro assistito. Secondo loro, nel provvedimento firmato dal gip ci sono ancora molti punti da chiarire e delle “falle” nella ricostruzione delle fasi del delitto, sollevando dubbi sulla premeditazione e sulla pesantezza della misura cautelare.

La vicenda dell’omicidio di Vanessa Ballan

Bujar Fandaj aveva avuto una relazione con la 26enne Vanessa Ballan, che è stata uccisa a coltellate il 19 dicembre a Spineda di Riese Pio X, in provincia di Treviso, mentre era incinta del suo secondo figlio. Pochi istanti dopo il delitto, l’uomo aveva chiamato il 112 dicendo di avere “fatto una brutta cosa”. Gli inquirenti avevano considerato la telefonata una confessione, ma secondo gli avvocati del 41enne non si tratta dell’ammissione del delitto. I legali sostengono che nel provvedimento firmato dal gip ci siano ancora molti punti da chiarire, delle “falle” nella ricostruzione delle fasi del delitto e dei dubbi sulla premeditazione e quindi sulla pesantezza della misura cautelare, quella massima prevista.

Le ragioni della custodia cautelare

Il Gup, invece, aveva ritenuto necessaria la carcerazione preventiva per scongiurare i rischi di fuga, dell’inquinamento delle prove e della possibile reiterazione del reato. Nella telefonata, l’uomo aveva detto di volersi costituire il giorno dopo il delitto, ma i carabinieri sospettavano che la sua volontà non fosse quella, come si poteva intuire anche da post sui social in cui Bujar accennava alla libertà. È possibile che le avvocate dell’uomo decidano di fargli rilasciare, nei prossimi giorni, delle dichiarazioni spontanee: Fandaj non ha parlato né in fase di arresto né in fase di udienza di convalida, dimostrandosi confuso e incapace di riferire quello che fosse accaduto. Intanto prosegue l’accertamento dell’Ispettorato del ministero di Grazie e Giustizia per capire per quale motivo, dopo la denuncia per stalking che Vanessa Ballan fece ad ottobre contro Fandaj, non sia stata presa alcuna misura cautelare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *