Complice di Baiocco si presenta in questura: ammette responsabilità

0
Complice Di Baiocco Si Present

Complice di Baiocco si presenta in questura: ammette responsabilità - ilvaporetto.com

Michele Di Rosa: il giovane complice di Alex Baiocco

Michele Di Rosa, 18 anni, originario di Cologno Monzese, si è presentato sabato sera in questura, a Monza, e ha ammesso di essere uno dei due complici di Alex Baiocco, il 24enne milanese arrestato per il cavo d’acciaio tirato tra le corsie di viale Toscana. Di Rosa, insieme al papà e al suo avvocato Gaetano Giamboi, ha spiegato agli agenti: “Non reggevo più questo peso, ne ho parlato con la mia famiglia e ho deciso di assumere le mie responsabilità“.

L’amicizia con Alex Baiocco

Michele Di Rosa, apprendista cuoco in un locale di Milano, ha conosciuto Alex Baiocco quando ha cominciato a frequentare la città. I due hanno instaurato un’amicizia che definisce “superficiale“, nata attraverso i social. Insieme a un terzo complice, probabilmente minorenne e ancora in fuga, hanno cominciato a uscire sporadicamente insieme.

La situazione attuale di Michele Di Rosa

Michele Di Rosa è stato trasferito nella caserma dell’Arma di Monza e è stato fermato per “blocco stradale”. Il gip Domenico Santoro ha ridimensionato le ipotesi di reato e concesso la misura cautelare solo per blocco stradale aggravato. Secondo l’avvocato di Di Rosa, il giovane si trova nel carcere di Monza e potrebbe affrontare l’udienza di convalida del fermo davanti al gip. L’avvocato ha dichiarato: “Posso dire che mi sono trovato davanti a un ragazzo davvero dilaniato dal senso di colpa, distrutto dal pensiero di quello che sarebbe potuto succedere, dall’enorme potenziale portata del suo agire“.

Di Rosa era stato individuato dagli inquirenti attraverso il profilo social segnalato da Alex Baiocco. L’analisi dell’account che i tre hanno usato per noleggiare lo scooter elettrico con cui sono arrivati in viale Toscana è stata decisiva per le indagini. Secondo Baiocco, non c’è stata una programmazione riguardo al cavo d’acciaio, che i ragazzi hanno trovato in zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *