Deputato Fratelli d’Italia spara accidentalmente in festa: testimone lo inchioda

0
Deputato Fratelli Ditalia Spa

Deputato Fratelli d’Italia spara accidentalmente in festa: testimone lo inchioda - ilvaporetto.com

Emanuele Pozzolo: il deputato di Fratelli d’Italia coinvolto in un incidente con arma da fuoco

Il deputato di Fratelli d’Italia, Emanuele Pozzolo, è al centro di un’indagine a seguito di un incidente avvenuto la notte di Capodanno, in cui un 31enne è stato ferito da un colpo di pistola. Pozzolo ha dichiarato: “Confermo che il colpo di pistola – da me detenuta regolarmente – è partito accidentalmente, ma non sono stato io a sparare“. Attualmente, è l’unico indagato con le accuse di “lesioni colpose, accensioni ed esplosioni pericolose e omessa custodia di armi”. Tuttavia, i magistrati considerano l’indagine come un “atto dovuto”, in quanto la vittima non ha ancora presentato querela.

Testimonianza incriminante di un agente di polizia

Un agente di polizia presente alla cena di Capodanno, organizzata dalla sorella del sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro nella sede della Pro Loco di Rosazza, in provincia di Biella, ha rilasciato una testimonianza che sembra inchiodare il deputato. L’agente ha affermato: “Abbiamo avuto tutti paura, c’erano dei bambini. Pozzolo è arrivato a fine serata, stavamo andando via: era allegro, ha tirato fuori la pistola senza che nessuno glielo avesse chiesto e all’improvviso è partito lo sparo“. Secondo il testimone, l’incidente è avvenuto quando la cena era già terminata e le persone stavano lasciando il luogo. L’agente ha descritto l’azione di Pozzolo come un gesto superficiale e immotivato, mettendo in evidenza il pericolo che l’incidente ha rappresentato, specialmente considerando la presenza di bambini e di persone che il giorno successivo dovevano lavorare.

L’agente esclude la possibilità di un colpo sparato in aria

L’agente di polizia ha escluso la possibilità che il deputato avesse sparato il colpo in aria, sottolineando: “Eravamo all’interno di una sala. Ha iniziato a mostrarla ai presenti, come se io tirassi fuori l’arma di ordinanza per fare lo stesso“. Nonostante le dichiarazioni di Pozzolo, l’agente ha confermato di aver visto l’incidente accadere sotto i suoi occhi, insieme ad altre persone presenti. Ha definito l’accaduto come una “leggerezza” che avrebbe potuto avere conseguenze gravi per il 31enne ferito, descritto come un lavoratore e un padre di famiglia. Le dichiarazioni dell’agente di polizia rappresentano un elemento chiave nell’indagine in corso e potrebbero influenzare il suo esito.

In base alle testimonianze raccolte, l’indagine su Emanuele Pozzolo continua a suscitare interesse e dibattito, mentre emergono nuovi dettagli sull’incidente avvenuto durante la notte di Capodanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *