Eiffel 65: la storia, la carriera e le curiosità sul gruppo italiano che ha conquistato il mondo con Blue (Da Ba Dee)

0
Eiffel 65 La Storia La Carri

Eiffel 65: la storia, la carriera e le curiosità sul gruppo italiano che ha conquistato il mondo con Blue (Da Ba Dee) - ilvaporetto.com

Chi sono gli Eiffel 65: biografia e carriera

Gli Eiffel 65 sono il gruppo che ha segnato l’epoca d’oro dell’eurodance italiana negli anni ’90 e 2000. Fondato nel 1998 all’interno della casa discografica Bliss Corporation di Torino, hanno raggiunto la vetta delle classifiche di tutto il mondo con il singolo “Blue (Da Ba Dee)”, diventato un classico della musica dance internazionale. Ma chi sono davvero?

La loro avventura inizia mentre lavorano alla loro canzone più famosa, “Blue (Da Ba Dee)”. Nel 1998, decidono di formare un vero e proprio gruppo e lanciano il singolo, senza grandi aspettative di successo. Ma si sbagliano di grosso. Nonostante l’iniziale insuccesso, la canzone viene recuperata nell’aprile del 1999 da un’emittente lombarda, Disco Radio. Da lì inizia la loro scalata verso la vetta delle classifiche internazionali.

Jeffrey Jey, Maury Lobina e Gabry Ponte riescono a raggiungere un successo internazionale in pochi mesi, non solo in Europa ma anche negli Stati Uniti, nel Sudafrica, in Giappone, in Cina, in Brasile, in Messico, negli Emirati Arabi e in ogni altro angolo del mondo. Un risultato davvero eccezionale che li incoraggia a pubblicare il loro primo album, “Europop”, nel 1999, anticipato dal singolo “Move Your Body”.

Grazie al successo dei primi due singoli, l’album vende oltre quattro milioni di copie, di cui tre solo negli Stati Uniti. Un grande successo confermato anche dal singolo successivo, “Too Much of Heaven”.

Dopo un fortunato tour internazionale, gli Eiffel 65 pubblicano un nuovo album nel 2001, “Contact!”, che si discosta dalle sonorità dance degli esordi per abbracciare il sound degli anni ’80. Anche con questo disco riescono a mantenere un discreto successo, seppur in tono minore rispetto all’album di debutto. Nel 2003 partecipano per la prima volta al Festival di Sanremo con il brano “Quelli che non hanno età”, che non ottiene il successo sperato nella competizione, ma diventa una hit di quell’edizione del Festival.

A seguito della partecipazione a Sanremo, pubblicano il loro terzo album, omonimo, nel 2003, che introduce l’uso massiccio della lingua italiana nei testi. È durante questo periodo che raggiungono gli ultimi grandi successi con brani come “Viaggia insieme a me” e “Voglia di dance all night”.

Il periodo d’oro del gruppo è ormai alle spalle, e nel marzo 2005 gli Eiffel 65 subiscono un duro colpo. Gabry Ponte decide di dedicarsi completamente alla carriera solista, che aveva iniziato nel 2001. Di fronte a questa scelta, Jeffrey e Maury decidono di sciogliere il gruppo e intraprendere un nuovo progetto musicale, i Bloom 06.

Cosa fanno oggi gli Eiffel 65

Dopo la breve esperienza con i Bloom 06, nel 2010 gli Eiffel 65 si riformano con il ritorno di Gabry Ponte e la promessa di un quarto album e di un nuovo tour. Nonostante le buone intenzioni, le promesse non si realizzano a causa delle divergenze tra i tre membri storici della band.

Negli ultimi anni, gli Eiffel 65 sono apparsi come ospiti in diversi programmi televisivi, tra cui “Arena Suzuki” nel 2022. Si sono anche esibiti con i Boomdabash su Rai 1 nel 2023, e sono stati annunciati come ospiti della serata dei duetti di Sanremo nel 2024, dove canteranno un medley dei loro successi insieme a Fred De Palma.

Curiosità sugli Eiffel 65

  • “Blue (Da Ba Dee)” è l’unico brano di un artista italiano ad aver raggiunto la vetta della classifica Eurochart Hot 100 Singles, insieme a “Senza una donna” di Zucchero.
  • Hanno venduto oltre 15 milioni di copie in tutto il mondo.
  • Sono stati nominati ai Grammy nella categoria “Miglior artista dance”.
  • Il nome “Eiffel 65” è stato scelto casualmente da un computer tra una lista di possibili nomi, mentre i numeri 6 e 5 erano presenti in un numero di telefono su una demo.
  • Il cantante degli Eiffel 65 non è morto, nonostante alcune voci. La band non ha reso pubbliche informazioni sul loro patrimonio e i loro guadagni.
  • Gli Eiffel 65 si sono sciolti a causa di divergenze musicali. Gabry Ponte è uscito dal gruppo perché Jeffrey e Maury volevano sperimentare nuove sonorità diverse dai suoi interessi. Successivamente, nel 2014, si è verificata una disputa legale tra il tastierista e il DJ sul diritto d’autore della loro canzone più amata, “Blue”.
  • Gli Eiffel 65 hanno un account ufficiale su Instagram con migliaia di follower.

Se vuoi ascoltare le migliori canzoni degli Eiffel 65, puoi trovare una playlist su Spotify.

Articolo a cura di NM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *