Emergenza meteo a Milano e Monza: le conseguenze dell’esondazione del Lambro

Emergenza meteo a Milano e Monza: le conseguenze dell'esondazione del Lambro - IlVaporetto.com

Emergenza a Monza: chiusure e evacuazioni

Il parco di Monza è stato chiuso a causa dell’esondazione del fiume Lambro, rendendo inaccessibili tutti gli accessi tranne viale Cavriga, riservato al traffico veicolare. Il Comune di Monza ha confermato la situazione e ha attivato il Piano di emergenza comunale, con la protezione civile che sta predisponendo le barriere di sicurezza in diverse zone della città. Inoltre, sono stati presi provvedimenti riguardanti la chiusura di asili e scuole nel centro città, con il trasferimento degli studenti e dei bambini in luoghi più sicuri. I piccoli dell’asilo nido ‘Centro’ sono stati accompagnati presso il Municipio in Piazza Trento e Trieste, mentre gli alunni della scuola Primaria De Amicis sono stati trasferiti al Liceo Zucchi. Anche le scuole medie Bellani e Confalonieri, insieme al Centro sportivo cittadino NEI, sono state chiuse per precauzione.

La situazione a Milano: allagamenti e disagi

A Milano, la pioggia costante ha portato all’esondazione del Lambro in diversi punti, con interventi dei vigili del fuoco per gestire situazioni di emergenza anche nell’hinterland. Questo ha causato allagamenti e deviazioni di alcune linee di bus e tram, con un numero significativo di interventi dei soccorritori in coda. Inoltre, si sono registrati ingorghi e rallentamenti nella circolazione delle strade cittadine, a causa delle condizioni meteorologiche avverse.

La circolazione ferroviaria: ritorno alla normalità

Nonostante le avverse condizioni meteo, la circolazione dei treni in Lombardia sta tornando gradualmente alla normalità dopo le intense piogge che hanno colpito le infrastrutture ferroviarie, causando ritardi e interruzioni. Sul sito e sull’App di Trenord è stato comunicato che dalle prime ore del mattino la circolazione del Passante Ferroviario è stata sospesa fra Milano Porta Vittoria e Pioltello Limito, per permettere le operazioni di ripristino e controllo della situazione.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *