Fame, ricchezza e scandali: il vero volto delle celebrità

0
Fame Ricchezza E Scandali Il

Fame, ricchezza e scandali: il vero volto delle celebrità - ilvaporetto.com

Le relazioni disfunzionali delle celebrità secondo lo psicanalista Stephen Karpman

Al cuore delle relazioni disfunzionali c’è un meccanismo tanto semplice quanto perverso: è il Triangolo Drammatico, un modello relazionale sviluppato dallo psicanalista transazionale americano Stephen Karpman oltre cinquant’anni fa. Anche a distanza di tempo, la dinamica non ha perso la sua attualità. Anzi, perché spiega l’interazione fra le persone e il loro tornaconto nell’assumere il ruolo di “persecutore”, “vittima” e “salvatore”.

Fame, ricchezza e scandali: l’anello debole delle celebrità

Le celebrità sembrano avere tutto: fama, ricchezza e successo. Ma dietro ai riflettori e alla facciata glamour, si nasconde un lato oscuro. Le loro relazioni sono spesso caratterizzate da una dinamica tossica, alimentata dalle dinamiche del Triangolo Drammatico.

Il “persecutore”: il potere della celebrità

Il primo ruolo nel Triangolo Drammatico è quello del “persecutore”. Le celebrità, con il loro potere e la loro influenza, tendono ad assumere questo ruolo. Utilizzano la loro fama per manipolare gli altri, controllarli e umiliarli. Spesso sono protagonisti di scandali e comportamenti inappropriati, utilizzando la loro posizione privilegiata per ottenere ciò che vogliono.

“La celebrità ha il potere di dominare gli altri e di renderli vittime della propria arroganza e prepotenza” – afferma Stephen Karpman.

La “vittima”: il lato vulnerabile delle celebrità

Accanto al “persecutore”, si trova la “vittima”. Anche se sembra paradossale, le celebrità a volte si fanno vittime dell’attenzione mediatica e delle pressioni della loro stessa fama. Si lamentano delle loro vite pubbliche, esponendo le loro sofferenze e dipendenze.

“Anche le celebrità possono essere vulnerabili e avere bisogno di aiuto, ma spesso utilizzano il loro ruolo di vittima per manipolare le persone intorno a loro” – sostiene Karpman.

Il “salvatore”: l’eroe che non esiste

Infine, il terzo ruolo del Triangolo Drammatico è quello del “salvatore”. Le celebrità cercano spesso un salvatore che le riabiliti, che le trai da problemi e scandali. Un manager, un avvocato o un altro membro del loro entourage diventa il salvatore, spesso diventando anche un burattino nelle loro mani.

“Le celebrità cercano costantemente qualcuno che possa salvarle dalla loro stessa autodistruzione, ma spesso si tratta solo di un’illusione” – afferma Karpman.

La triste realtà delle relazioni delle celebrità

Il Triangolo Drammatico spiega l’oscuro sottobosco delle relazioni nelle vite delle celebrità. Mentre il pubblico ammira la loro fama e i loro successi, dietro le quinte si svolgono dinamiche tossiche e disfunzionali. Questa analisi di Karpman ci ricorda che la celebrità non è sinonimo di felicità e stabilità, ma spesso è la causa delle loro relazioni tumultuose e dei loro scandali.

Quindi, la prossima volta che ammiriamo una celebrità, ricordiamoci che dietro quella maschera di perfezione, si nasconde una persona che lotta con le stesse dinamiche distruttive che tutti gli esseri umani affrontano.

Letto in precedenza: “La psicologia delle celebrità: i lati oscuri della fama”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *