Il portale d'informazione della tua città

Gatta Cenerentola: il film d’animazione in corsa per gli Oscar 2018

Dopo il grande successo ottenuto nella selezione Orizzonti alla 74ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, l'obiettivo è il Dolby Theatre

0 453

Un capolavoro d’animazione, una favola noir tutta napoletana che si impone, al pari di un film d’autore, nell’esperienza audio-visiva di chi, da spettatore, si rende testimone di questa storia.

Realizzato dai registi Alessando Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone, Gatta Cenerentola non è solo un film d’animazione, ma una vera e propria opera d’arte cinematografica.

Una grafica matura e azzeccata per scene sognanti e allo stesso tempo cupe, in grado di trasmettere il degrado che, ahinoi, grava su parte della città di Napoli; un cast azzeccatissimo per dare voce ed espressione ai personaggi-maschere che animano la favola; il vernacolo della splendida lingua napoletana, che, in ogni momento, sembra trasmettere il calore di una terra che di amore, e di passione, se ne intende; il tutto accompagnato dalle musiche originali di Antonio Fresa e Luigi Scialdone, che si avvalgono delle canzoni di Enzo Gragnaniello, Guappecartò, Francesco Di Bella, I Virtuosi di San Martino, Daniele Sepe, Marlboro Recording Society, Ilaria Graziano e Francesco Forni, Foja.

Tante le lezioni, tante le morali che si nascondono dietro lo splendido manto di un film animato; ma la lezione più importante che questa favola ci impartisce è che, nonostante tutto, il marcio che di tanto in tanto cerca di insinuarsi in ogni buona proposta per il futuro, è palese, esiste, ma siamo noi e soltanto noi a decidere chi siamo e in quale direzione andare.

Sono queste le premesse che fanno di un progetto un prodotto valido ed apprezzato dalla critica, ma soprattutto dal pubblico, perché è quest’ultimo il solo vero giudice che fa dell’opera un’opera d’arte.

Sono 14 i film italiani distribuiti dal 1° ottobre 2016 e il 30 settembre 2017 che saranno analizzati il prossimo 26 settembre dalla commissione istituita presso l’ANICA su richiesta dell’Academy Award per designare il candidato italiano per concorrere nella categoria Miglior Film Straniero.

Oltre Gatta Cenerentola, sono in gara: A Ciambra di Jonas Ash Carpignano; Cuori Puri di Roberto De Paolis; L’equilibrio di Vincenzo Marra; Una famiglia di Sebastiano Riso; Fortunata di Sergio Castellitto; Ho amici in Paradiso di Fabrizio Maria Cortese; L’ora legale di Salvatore Ficarra e Valentino Picone; L’ordine delle cose di Andrea Segre; Sicilian Ghost Story di Antonio Piazza e Fabio Grassadonia; La stoffa dei sogni di Gianfranco Cabiddu; La tenerezza di Gianni Amelio; Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni; La vita in comune di Edoardo Winspeare.

Gatta Cenerentola potrebbe anche concorrere per la categoria Miglior Film d’Animazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.