Geolier fischiato all’Ariston per la vittoria nella serata cover di Sanremo 2024: la reazione di Selvaggia Lucarelli (e altri volti noti)

0
Geolier Fischiato Allariston

Geolier fischiato all’Ariston per la vittoria nella serata cover di Sanremo 2024: la reazione di Selvaggia Lucarelli (e altri volti noti) - ilvaporetto.com

Ieri sera il Festival di Sanremo è stato incentrato sulla serata cover, durante la quale i trenta artisti in gara si sono cimentati in una loro versione di un brano che ha fatto la storia della musica italiana, accompagnati da uno o più artisti da loro scelti.

A trionfare è stato Geolier, che ha portato sul palco un medley insieme a Gue Pequeno, Gigi D’Alessio e Luché, ma la sua vittoria ha suscitato non poche polemiche e il cantante partenopeo è stato fischiato anche da parte del Teatro Ariston, che avrebbe preferito assegnare ad altri artisti la vittoria della serata.

Anche sui social la vittoria di Geolier ha diviso e non solo il pubblico ha commentato quanto accaduto durante la serata, ma anche da diversi volti noti, a cominciare da Selvaggia Lucarelli, la quale pur ammettendo di non essere fan di Geolier, ha anche affermato che lo sdegno apparso sui social è eccessivo rispetto al brano che ha portato in gara:

Geolier non mi piace, però voglio dire alcune cose. Ci sono due questioni diverse che lo riguardano: il marketing aggressivo fatto di video sul come votare con 5 sim diverse, i suoi giri nelle scuole campane prima di partire per Sanremo, voci su un’organizzazione capillare per votarlo e poi l’aereo privato, l’entourage di decine di persone e tutto quello che magari non lo rende particolarmente simpatico, ma che fino a prova contraria è legittimo. Poi c’è il tema “la sua musica fa schifo”. Ripeto, a me non piace, ma Geolier a 23 anni è un tormentone su tiktok (l’avete visto il figlio di Amadeus esultare?), è un fenomeno su Spotify, il suo album con quello di Lazza è tra i più venduti nel 2023, riempie i concerti, molti artisti noti della scena musicale hanno avuto collaborazioni con lui e scrive comunque canzoni interessanti per il suo pubblico. Ora, ieri forse la sua performance non era da primo posto, ma siamo sicuri che a Sanremo sia il primo cantante supportato da una fanbase che dopa la classifica? Da anni ci sono fenomeni di talent che spesso arrivano a Sanremo con canzoni molto modeste (e talenti più discutibili di quello di Geolier) che si posizionano alti in classifica. Non credo che Geolier meriti il nostro sdegno più di altri. Per niente. Credo che ci sia un bel po’ di razzismo interiorizzato nei confronti di un pezzo di paese che non riconosciamo come reale, degno di essere supportato e rappresentato, capace di sostenere i suoi “eroi” con una partecipazione massiccia, che sa di competizione, orgoglio e riscatto, sa di quel campanilismo che è forza e debolezza.

La Lucarelli si è poi schierata contro coloro che lo hanno criticato in quanto napoletano e in quanto ha portato sul palco un brano in dialetto:

Può non sembrarci giusto ma non è che se un anno gli invasati televoto sono i fan di Emma va bene, se sono i fan di Geolier che schifo e giù di fischi. Applaudiamo Ghali che canta “io sono un italiano vero” (giustamente) e poi i primi posti di Geolier ci fanno storcere il naso perché “eh i napoletani” lo hanno votato. Sì, lo hanno votato, e forse non solo a Napoli. Se poi ci sono altre questioni poco limpide (si parla di scommesse e altro, ma allora aboliamo le scommesse su Sanremo) no so. Ma se si tratta di unirsi al coro di chi schifa Geolier perchè in fondo è un po’ terrone e lo votano i terroni, beh, a Sanremo sono arrivate spesso sul podio un sacco di canzoni orrende e le hanno votate pure a Trento. E non erano manco state scritte da ragazzi di 20 anni ma spesso interpretate da cantanti modesti che non sanno manco reggere le note su uno spartito. Detto questo, gli italiani che possono votare altro sono tanti (a Trento per esempio potete votare che so, i Santi francesi? Grazie) e la sala stampa avrà modo, se vuole, di bilanciare come e quanto vuole, come sempre.

Selvaggia Lucarelli Instagram

Ad intervenire è stata poi Karina Cascella, che già negli scorsi giorni aveva difeso il cantante dalle accuse che gli erano state mosse:

Peccato che un ragazzo di 23 anni che sta realizzando un sogno, sia salito sul palco vittorioso per questa serata, ma tra i fischi di un pubblico senza anima. Visibilmente imbarazzato giustamente. Sapete che vi dico? A me piacciono lui, Angelina e Alessandra. Ma spero che vinca lui con tutto il cuore. Perché lo merita!

Chi invece non ha trovata giusta la vittoria di Geolier nella serata delle cover è stato l’ex volto di Matrimonio a prima vista Marco Rompietti:

Intendiamoci, nulla contro Geolier la cui canzone in gara a me non piace ma riconosco che fa parte di una nuova generazione ed è molto amata e virale su TikTok etc … quindi dovesse vincere domani potrei pure accettarlo. MA OGGI NO. Ci sono state almeno 1o esibizioni migliori in questa serata cover della sua (non me le fate menzionare). Per me avrebbe dovuto vincere a mani basse Angelina Mango stasera, ma anche Annalisa per dirne un’altra… sono basito.

A chi invece è decisamente piaciuta l’esibizione di Geolier è Nilufar Addati, la quale ha pubblicato sul suo profilo Instagram una storia in cui ha ripreso lo schermo della tv aggiungendo la didascalia “Piango, piango, piango, piango“. Dello stesso parere anche la corteggiatrice Raffaella Scuotto, che ha pubblicato un’immagine di lei che guardava Sanremo nel momento dell’esibizione del cantante con la scritta “Codice 15“, invitando tutti i suoi followers a votarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *