Il portale d'informazione della tua città

Giro di vite per la raccolta differenziata a Napoli: inasprimento delle sanzioni per chi non rispetta le regole

0 81

NAPOLI, 12 SETTEMBRE – Nuove sanzioni di 500 euro e aumento dei controlli per chi non rispetta le regole della differenziata e per ridurre le criticità del ciclo rifiuti. Con Ordinanza sindacale del 7/9/2018 l’Amministrazione Comunale dà un ulteriore giro di vite teso ad inasprire le sanzioni per quegli utenti che ancora non rispettano le regole base per una corretta raccolta differenziata.

“In questi ultimi anni nella città di Napoli è stato realizzato un incremento significativo in termini percentuale di rifiuto differenziato – si legge nel comunicato Asia -, che stiamo cercando di confermare e di migliorare nonostante il sopraggiungere di problemi legati alla ridotta capacità degli impianti di smaltimento, il fermo di alcune linee del termovalorizzatore di Acerra per interventi di manutenzione e il continuo aumento della presenza di turisti che contribuisce ad incrementare il volume dei rifiuti prodotti. L’obiettivo di una corretta differenziazione dei rifiuti e di una buona qualità della differenziata è divenuta una necessità imprescindibile al buon funzionamento del ciclo di recupero dei rifiuti sia di origine domestica sia provenienti dalle attività commerciali.

Le novità dell’ordinanza, che va nella direzione dell’osservanza delle regole previste dal regolamento comunale sulla raccolta dei rifiuti, si possono sintetizzare nei seguenti punti:
1) inasprimento della sanzione che sale a 500€;
2) possibilità di chiusura temporanea dell’attività in caso di reiterate violazioni;
3) pubblicazione del nome del trasgressore sul sito web del comune nei casi di reiterate violazione di più articoli.

In particolare si ordina:
1. di conferire le varie frazioni di rifiuto, secondo le corrette regole di differenziazione previste dal vigente regolamento comunale e, in caso di modello porta a porta, con esposizione dei bidoncini e/o sacchi secondo il calendario e gli orari previsti per ciascuna zona della città; (ricordiamo che tutte le informazioni necessarie possono essere reperite sul sito www.asianapoli.it e sull’APP Asia Napoli)
2. di conferire, nelle zone in cui è prevista la raccolta stradale, i rifiuti riciclabili diversi dalla frazione organica e non riciclabile, correttamente separati nelle campane stradali per la raccolta differenziata (campane/cassonetti) senza limiti di orario;
3. ai gestori di esercizi commerciali, pubblici esercizi, circoli, associazioni ed assimilati, di raccogliere, già all’interno dei locali adibiti all’attività, i rifiuti in forma differenziata;
4. di conferire, nelle zone in cui è prevista la raccolta stradale, i rifiuti non riciclabili e la frazione organica negli appositi contenitori, in buste ben chiuse, esclusivamente dopo le ore 19,00 e fino alle ore 22,00. Restano ferme le deroghe in materia di orari di conferimento previste a favore di edifici scolastici, uffici pubblici e privati, persone di età superiore a 65 anni o disabili, imprese industriali ed artigianali, studi professionali ed esercizi commerciali, che potranno preventivamente richiedere specifica autorizzazione alla Municipalità di appartenenza, che di concerto con la Direzione Centrale Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare e il gestore del servizio di raccolta e smaltimento, ne valuterà il rilascio;
5. agli organi accertatori, di inviare apposita segnalazione delle violazioni rilevate agli Uffici preposti a rilasciare l’autorizzazione o a ricevere la comunicazione di inizio attività, al fine di avviare, nei casi di gravi e/o reiterate violazioni, i procedimenti di sospensione o di revoca del titolo per l’esercizio dell’attività, ai sensi dell’art. 10 del TULPS, salvo il caso in cui il contravventore provveda immediatamente a ripristinare lo stato dei luoghi, fermo restando che è da intendersi “grave” ogni comportamento che violi contemporaneamente due o più prescrizioni previste dalla presente ordinanza.

#Dispone inoltre,
• che per le violazioni delle prescrizioni sopra indicate e per quelle contenute nella tabella allegata, che costituisce parte integrante della presente ordinanza, si applichi la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 500,00.
• che, per ogni conferimento di rifiuti urbani e assimilabili agli urbani, nei limiti di volume massimo di 5 litri, effettuato fuori orario, si applichi la sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di euro 25.00 ad un massimo di euro 500,00.
• che le sanzioni comminate per le gravi e reiterate violazioni siano pubblicate sul sito web del Comune di Napoli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.