Il portale d'informazione della tua città

Gli allarmi infondati sul Vesuvio, una moda a cadenza trimestrale

0 20

NAPOLI, 3 DICEMBRE – Avrete certamente notato anche voi, in questi giorni, le notizie allarmanti sugli innumerevoli e inquietanti brontolii del nostro Vesuvio. Gli articoli in questione, pubblicati fino alla noia con cadenza trimestrale (ebbene sì, vi invitiamo a prendere nota), vengono catapultati nel web dai maggiori quotidiani napoletani per poi moltiplicarsi a cascata, passando per ogni sito e sitarello locale. Una tecnica che ha un nome (e uno scopo) ben preciso: clickbaiting, termine che indica quegli articoli la cui funzione è quella di attirare il maggior numero possile di naviganti utili a generare rendite pubblicitarie redditizie. Questa volta però, alle infondate disanime di vulcanologi improvvisati, ci viene in soccorso il direttore dell’Osservatorio Vesuviano (INGV, sezione Napoli), la Dott.ssa Francesca Bianco, che smentisce con una nota gli allarmi di fine 2018.

“A seguito di infondate, errate ed allarmanti notizie apparse su diversi canali social circa la recente attività sismica del Vesuvio si precisa che i terremoti che si stanno verificando al Vesuvio in questi giorni rientrano nella normale attività sismica del vulcano nel suo attuale stato dinamico che si configura in un Livello di Allerta: Base.

Brevi periodi di maggiore sismicità sono avvenuti altre volte negli ultimi anni e pertanto non costituiscono una situazione anomala. Dai dati di tutte le reti di monitoraggio – conclude la Dott.ssa Francesca Bianco – non si evidenzia alcun cambiamento dello stato di attività del Vesuvio, come si può verificare dalla lettura dei Bollettini Mensili.”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.