Il portale d'informazione della tua città

Il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa

2 1.849

Era il 3 ottobre 1839 quando nel regno delle Due Sicilie venne inaugurato il primo tratto ferroviario d’Italia: Napoli-Portici.

Oggi, a più di 170 anni di distanza, non è un caso che proprio in quelle zone della periferia orientale di Napoli sorge il museo delle Ferrovie dello Stato italiane.

Il Museo Di Pietrarsa che si sviluppa in un’area di 36mila metri quadrati situato nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, adagiato sul mare regala una spettacolare vista del golfo di Napoli che lascia senza fiato i suoi visitatori. Il complesso è ancora oggi un luogo simbolo della storia industriale del Mezzogiorno, all’epoca, la più grande industria metalmeccanica della penisola.

Il Museo offre ai suoi visitatori un affascinante viaggio nel tempo dal 1839 fino ai giorni nostri, attraverso le locomotive e i vagoni che hanno unito ed attraversato l’Italia per oltre 170 anni, dalle prime locomotive a carbone fino ai modernissimi treni ad alta velocità.

Nato nel 1840 per volere di Ferdinando II di Borbone, in origine era sede delle antiche officine borboniche. Una statua posta nel piazzale del complesso ne ricorda ancora la storia, che raffigura il re intento ad indicare il luogo dove sorgeranno le prime officine ferroviarie delle Due Sicilie e dell’intera penisola.

A ridosso dell’unificazione italiana, l’opificio napoletano si avvia mestamente verso il declino. Le nuove politiche industriali spostano le attenzioni del nuovo paese sul “triangolo industriale” Torino, Genova, Milano, determinando di fatto la fine delle officine di Pietrarsa con lo smantellamento progressivo degli stabilimenti napoletani.

Il Museo unico nel panorama nazionale per la singolarità dei contenuti in mostra, è articolato in 7 padiglioni dove vi sono esposte le locomotive che hanno attraversato il nostro paese, tra queste vi è anche la riproduzione fedele della Bayard, lo storico convoglio inaugurale della prima tratta ferroviaria Napoli Portici del 1839.

Tra i più importanti centri di archeologia industriale del nostro Paese, entra di diritto  tra i grandi musei ferroviari d’Europa.

Il Museo osserva i seguenti orari:
Giovedì dalle 14:00 alle 20:00
Venerdì dalle 9:00 alle 16:30
Ogni fine settimana dalle 9:00 alle 18:00

Da lunedì a mercoledì su prenotazione per grandi gruppi.
La visita del sito museale può essere libera o guidata (a cura del personale del Museo che illustra percorsi e contenuti della collezione del Museo).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.