Il portale d'informazione della tua città

L’allarme di Legambiente: in Campania ci sono 7 rifiuti per ogni metro di spiaggia

0 250

NAPOLI, 26 MAGGIO – 691 rifiuti per ogni 100 metri lineari di spiaggia. È la drammatica situazione della costa campana emersa a seguito di uno studio effettuato nei mesi di aprile e maggio dagli studiosi di Legambiente.

Di ogni tipo, colore, forma, dimensione. Invece delle conchiglie, ormai, a farla da padrona sui nostri litorali ci sono plastica, vetro o pezzi di metallo: rifiuti spiaggiati gettati consapevolmente o che provengono direttamente dagli scarichi non depurati e dall’abitudine di utilizzare i wc come una pattumiera e soprattutto dalla cattiva gestione dei rifiuti a terra. È quanto emerge dall’indagine Beach Litter 2018 condotta da Legambiente che fotografa anche stavolta una situazione critica per molti arenili italiani: su 78 spiagge monitorate, per un totale di oltre 400mila metri quadri, pari a quasi 60 campi di calcio, sono stati trovati una media di 620 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia.

La plastica si conferma la regina indiscussa tra i materiali più trovati, con un percentuale dell’80%, seguita da seguita da vetro/ceramica (7,4%), metallo (3,7%) e carta/cartone (3,4%). Sul podio dei rifiuti più trovati ci sono i frammenti di plastica, ovvero i residui di materiali che hanno già iniziato il loro processo di disgregazione, anelli e tappi di plastica e infine i cotton fioc, che salgono quest’anno al terzo posto della top ten. I rifiuti plastici usa e getta sono stati rinvenuti nel 95% delle spiagge monitorate. Si tratta di oggetti creati per finire la loro vita immediatamente o poco dopo il loro utilizzo, come bottiglie, stoviglie e buste, e sui quali è necessario insistere a livello legislativo.

L’indagine di Legambiente (realizzata per il quinto anno consecutivo nei mesi di aprile e maggio nell’ambito di Spiagge e Fondali Puliti – Clean Up The Med, campagna realizzata in collaborazione con Mareblu, Novamont, Sammontana e Virosac), è una delle più importanti azioni a livello internazionale di citizen science, il risultato cioè di un monitoraggio eseguito direttamente dai volontari dei circoli dell’associazione, che setacciano le spiagge italiane contando i rifiuti presenti secondo un protocollo scientifico riconosciuto dall’Agenzia Europea dell’Ambiente, a cui ogni anno vengono inviati i dati dell’indagine.

In Campania sono state monitorate 22 spiagge per un totale di 78mila metri quadrati, rilevando una media di 691 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia per un totale di 15.201 rifiuti. In Campania quindi sulle nostre spiagge incrociamo 7 rifiuti ogni metro. E anche quest’anno la regina indiscussa dei rifiuti spiaggiati sulle spiagge campane rimane la plastica con il 77% del totale dei rifiuti rinvenuti, seguita da vetro/ceramica (8,8%) carta/cartone (5%).

In Campania, l’indagine è stata svolta su 22 spiagge, quali quella di Largo Patria a Castel Volturno (CE), quella alla foce del fiume Tusciano a Battipaglia (SA), quella della Monachella a Pozzuoli (NA), l’Arenile a Castellammare di Stabia (NA), quella di Mezzatorre a San Mauro Cilento (SA), quella di Magazzeno a Pontecagnano Faiano (SA), le spiagge di Baia Trentova, Vallone e Torre San Marco ad Agropoli (SA), quella di Grotta della Cala di Camerota (SA), la spiaggia delle saline di Centola (SA), quella di Pioppi di Pollica (SA), quella di Dominella a Casal Velino (SA), quella di Agnone C.to di Montecorice (SA), di piana di Veila di Ascea (SA), di Cava dell’Isola di Forio (NA), di Lido Mappatella al Lungomare Caracciolo di Napoli, la spiaggia del lungomare Tafuri di Salerno, di Mortella a Portici (NA), di Ponte della Gatta di Torre del Greco (NA) e alle Oasi Dunale di Capaccio Paestum (SA) e di Eboli (SA).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.