Il portale d'informazione della tua città

La memoria nel fuoco. Le mummie dei re e la cella di san Tommaso | Con locus iste alla scoperta della chiesa di San Domenico Maggiore

0 21

Era la notte tra il 21 e 22 dicembre del 1506. Si respirava aria di festa a San Domenico Maggiore. La maestosa navata centrale era scandita da centinaia e centinaia di candele le cui fiammelle traballanti accompagnavano lo sguardo del fedele fin sopra l’altare maggiore. Qui l’occhio si perdeva tra i colori sfavillanti e le magnifiche decorazioni delle stoffe, sistemate li con gran cura in occasione delle imminenti celebrazioni natalizie: arazzi, coltri e tappeti si univano ai monumentali baldacchini di velluto rosso, sotto i quali facevano splendida mostra le arche dei re d’Aragona, custodi di legno di quelle illustri spoglie mortali.

Fu un attimo. Bastarono pochi secondi perché tanto splendore fosse divorato dal fuoco. San Domenico perse l’altare, gran parte della zona absidale, le ricche e preziosi decorazioni. Il destino volle che si salvassero, anche se fortemente danneggiate, le tombe dei re. Per evitare che il fuoco potesse avere una nuova occasione, si decise di trasferire le arche nella attigua Sagrestia. Ai Reali si aggiunsero poi i nobili; gli eleganti bauli lignei aumentarono di anno in anno e la sagrestia finì col diventare un cimitero: il cimitero degli uomini illustri.

COSA VEDREMO: Piazza San Domenico Maggiore, Chiesa di San Michele Arcangelo a Morfisa, Sagrestia del’700 di San Domenico Maggiore con le tombe contenenti le mummie dei sovrani aragonesi, Sala degli Arredi col tesoro di San Domenico e gli abiti del ‘500 tolti alle mummie delle arche, Corridoio di San Tommaso d’Aquino, con le celle dei frati attuali e l’esposizione della mostra “I Tesori di Carta”, cella dove San Tommaso visse tra il 1272 e il 1274.

domenica 18 marzo ore 10.15

Appuntamento: Piazza San Domenico,nei pressi dell’obelisco, ore 10.15

Durata: 120 minuti circa

Contributo organizzativo: 7 euro + 5 euro ticket di ingresso a DOMA

SCOPRI DI PIÙ

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.