Maltempo nel Piemonte: un weekend di piogge e neve

0
Maltempo Nel Piemonte Un Week

Maltempo nel Piemonte: un weekend di piogge e neve - ilvaporetto.com

Una vasta area depressionaria proveniente dalle isole britanniche ha portato maltempo nel Piemonte, con piogge e nevicate in diverse zone della regione.

A partire dal pomeriggio di giovedì 8 febbraio, una vasta area depressionaria si è spostata verso le coste nordafricane, portando con sé umide correnti sudoccidentali e determinando un peggioramento delle condizioni meteo nel Piemonte. Le prime piogge sono state registrate già dalla serata di giovedì.

Nel corso della giornata di venerdì 9 febbraio, le correnti si sono intensificate, causando precipitazioni più intense e persistenti sulle zone più alte del Piemonte e sui settori di confine con la Liguria. I fenomeni a carattere sparso e meno intensi hanno interessato la pianura e la collina tra basso Torinese, Cuneese ed Astigiano, che si sono trovate parzialmente in ombra pluviometrica.

La situazione non è migliorata nella giornata di sabato, con precipitazioni moderate o forti diffuse anche sulle zone che erano state risparmiate il giorno precedente. Solo nel corso della serata di sabato la perturbazione si è mossa verso est-sudest, lasciando spazio a un graduale miglioramento a partire dalle vallate del Cuneese.

Nel corso del fine settimana, le precipitazioni hanno causato il maggior incremento del livello dei torrenti Erro ed Orba, nell’Alessandrino, e dei fiumi Terdoppio e Cervo nella pianura Novarese-Vercellese. Le nevicate sono state invece generalmente deboli o moderate sui settori settentrionali delle Alpi, con la quota neve che è scesa fino a 1200-1400 metri. Sui settori settentrionali e meridionali di confine, sono stati registrati quantitativi di neve che hanno superato i 50 centimetri.

Da domenica mattina, forti venti da nordovest hanno interessato i settori alpini, provocando un rimaneggiamento della neve recente e la formazione di diffusi lastroni. Sono state registrate anche alcune valanghe spontanee di piccole e medie dimensioni.

Le previsioni per i prossimi giorni indicano un progressivo miglioramento delle condizioni meteo, con l’arrivo di un promontorio di alta pressione sull’Europa sudoccidentale. Si prevedono quindi condizioni stabili, con velature, foschie e banchi di nebbia sulle pianure orientali nelle prime ore di domani e venti di foehn nelle vallate alpine nordoccidentali e settentrionali. La quota dello zero termico sarà in rialzo e si porterà oltre i 3000 metri nella giornata di giovedì.

Nonostante la situazione si stia gradualmente stabilizzando, si raccomanda comunque prudenza in montagna e di prestare attenzione al pericolo valanghe, che rimane alto in alcuni settori.

Le condizioni meteo miglioreranno ulteriormente nei prossimi giorni, garantendo una maggiore stabilità del manto nevoso e una diminuzione del rischio valanghe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *