Mara Venier blocca i commenti social dopo il caso Ghali: “censura” e “comunicato Rai già pronto”, cosa sta succedendo

0
Mara Venier Blocca I Commenti

Mara Venier blocca i commenti social dopo il caso Ghali: "censura" e "comunicato Rai già pronto", cosa sta succedendo - ilvaporetto.com

Qual è stata la reazione di Mara Venier dopo il caso Ghali? Scopriamo cosa sta succedendo e come la conduttrice di Domenica In è stata coinvolta in questa controversia che ha scatenato un vero e proprio caos sui social media.

La situazione è esplosa durante l’ultima puntata di Domenica In, dedicata ai protagonisti di Sanremo 2024. Le parole di Ghali, pronunciate al termine della sua ultima esibizione sul palco dell’Ariston, “Stop al genocidio” hanno avuto un impatto talmente forte da spingere l’amministratore delegato della Rai, Roberto Sergio, a prendere posizione con un comunicato stampa che è stato letto proprio da Mara Venier durante la trasmissione in diretta.

Il contenuto del comunicato, che secondo Corriere.it “era già pronto” e che non menziona direttamente Ghali, insieme alle parole pronunciate dalla Venier, che ha espresso il suo sostegno al messaggio a nome di “tutti”, ha causato un caos tale che ha portato la conduttrice di Domenica In a disattivare temporaneamente i commenti su Instagram.

Durante la trasmissione, Ghali aveva colto l’occasione per rispondere all’ambasciatore israeliano in Italia, Alon Bar, che aveva criticato la Rai per non aver commemorato le vittime della strage dello scorso ottobre. Il cantante aveva detto in diretta televisiva:

“Non va bene che l’ambasciatore parli così. Questa è politica del terrore, la gente ha paura di dire stop alla guerra, stop al genocidio. Stiamo vivendo un momento in cui le persone sentono di perdere qualcosa se dicono viva la pace.”

La risposta della Venier è stata semplicemente: “Siamo tutti d’accordo che vogliamo la pace…”

In seguito, Dargen D’Amico ha fatto un breve commento sui migranti in risposta a una giornalista, ma è stato “censurato” da Mara, che ha interrotto la sua risposta dicendo che l’argomento richiederebbe troppo tempo. Poi è stato letto il comunicato a favore di Israele da parte del CEO della Rai, Roberto Sergio, e sono iniziate le feroci polemiche contro la conduttrice per la sua presunta mancanza di posizione. Secondo alcuni membri del Partito Democratico, la Venier si sarebbe “prestata a fargli da megafono”. Il responsabile dell’Informazione del PD, Sandro Ruotolo, ha parlato di “censura” per come è stata gestita la situazione con Dargen D’Amico. L’ex ministro del PD, Andrea Orlando, ha commentato:

“Lo scambio tra Venier e i cantanti di domenica è un esempio del conformismo burocratico della Rai. Vale quasi come un saggio sociologico: paternalismo e difficoltà a comprendere appieno le implicazioni che Internet ha avuto.”

Il deputato di Alleanza Verdi Sinistra, Angelo Bonelli, e il deputato del M5S, Stefania Ascari, hanno invitato Mara Venier a esprimere solidarietà anche al popolo palestinese. Al contrario, il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, leader di Forza Italia, ha difeso la conduttrice, affermando che l’intervento letto da Mara Venier ha “riequilibrato la situazione”.

In questo clima di polemiche e controversie, Mara Venier ha scelto di bloccare temporaneamente i commenti sui suoi account social per evitare ulteriori discussioni accese. La vicenda continua a suscitare interesse e dibattiti sulla libertà di parola, la censura e il ruolo della televisione pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *