Il portale d'informazione della tua città

Napoli. Il MANN avvia il primo database in Italia dedicato alla policromia antica

0 39

Sarebbe suggestivo e appassionante poter rivivere i colori, le sfumature, i contorni che caratterizzavano le statue antiche, simbolo del nostro glorioso passato, ricostruendo dettagliatamente il loro reale aspetto iniziale.

Per la prima volta in Italia, grazie alla collaborazione tra il Museo Archeologico di Napoli e l’universita’ Nazionale Normale di Taiwan, tutto questo sara’ possibile, grazie alle potenzialita’ del progetto “Mann in colours“, il quale permettera’, sia a specialisti del settore, sia a comuni visitatori, di “viaggiare” sull’onda dell’emozionante riscoperta dei colori naturali delle opere esposte.

Spiega infatti il direttore Paolo Giulierini:”È un progetto di ricerca molto accattivante. Si tratta di ricostruire la policromia, quindi i colori delle statue antiche e di ricostruire il loro originario aspetto. Le statue non erano mai di colore bianco ma sovradipinte e nel tempo il colore è scomparso. Con questo lavoro di ricerca in collaborazione con l’Università di Taiwan ci concentreremo su una serie di statue della collezione Farnese riproponendo il loro colore originario. Brilleranno così il giallo, il blu, il rosso e tanti altri colori che abbiamo visto ricostruiti a titolo sperimentale nella statua di Augusto Prima Porta anni fa. Attraverso la tecnologia sarà possibile avvicinando lo smartphone alla statua leggere l’antico aspetto. Sarà così un’esperienza suggestiva”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.