Il portale d'informazione della tua città

Nessun clamore, siamo a Forcella giusto?

1 953

Di Paola Filardi

Forcella 2 Gennaio e 6 Gennaio. Biagio D’Antonio, giovane padre di famiglia,
la mattina del 2 gennaio va a Forcella, in Via Vicaria Vecchia ad aprire la sua attività e trova la porta crivellata di colpi. Quattro giorni dopo, venti metri più su, a Carminiello ai Mannesi, altro padre di famiglia, Marioitalia Granieri, si reca ad aprire il suo ristorante e anche lui trova la porta crivellata di colpi.

Nessun clamore, tanto è normale, siamo a Forcella giusto? In un’area di neanche un km quadrato, nel pieno centro storico di Napoli, questa ennesima barbarie passa quasi inosservata, perché tanto in quel budello, in quella terra di nessuno, tutto può accadere, so’ cavoli loro! Attendiamo le solite passerelle, i soliti assessori e il loro entourage, perché Forcella, nel bene e nel male, serve solo a chi viene a pulirsi la bocca e la faccia. Nel frattempo il territorio si rialza ancora e da solo ne verrà fuori, ma questa volta la c.d. “società civile” faccia la sua parte realmente, che di chiacchiere ne abbiamo piene le scatole!

Rinascita di Forcella darà inizio a una serie di attività di sostegno e di solidarietà dove siamo chiamati tutti a dare una mano. Biagio non chiuderà la sua attività per questo, e ancor meno Mario che da un anno sta facendo i salti mortali! Forcella è Napoli e lì ci vive gente “faticatrice” e onesta, e chi si gira dall’altro lato, storcendo pure il naso, è complice nella stessa misura di quelli che la vogliono distruggere.

1 Commento
  1. mauro dice

    appartengo ad una ottima famiglia napoletana e mio padre aveva i l negozio a dettaglio in via egiziaca a forcella 9/10,io lo studio in via eg.a forcella 15,mai e poi mai avuto un problema in quella zona anzi la gente del posto ci hanno sempre rispettato,cosa ho voluto dire?sono quattro ragazzini ,con alle spalle parenti e anche genitori nel passato anni di carcere,basta dare carta bianca ad un commissario o ad un colonello dei carabinieri con un magistrato (se ci sono ancora) per fare di forcella undi strada,pertanto senzadi disoccupazione,campi di calcio,scuola ecc,sono ragazzi che bisogna fargli il ,senz’altro ritorneranno buoni altrimenti c’è sempre nisidali diventeranno conigli con acqua e pane!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.