Il portale d'informazione della tua città

Non solo Caravaggio – Visita Guidata al Pio Monte della Misericordia

0 84

NAPOLI, 27 NOVEMBRE – L’Associazione Respiriamo Arte vi invita a partecipare ad un percorso di visita guidata che si terrà domenica 16 dicembre alle ore 11, presso il Pio Monte della Misericordia; edifico monumentale tra i più importanti a Napoli situato lungo il decumano maggiore nei pressi di Piazza Riario Sforza.

La cornice storica della nascita di questo luogo è legata al periodo della Controriforma. Il Pio Monte nasce per volontà di un gruppo di sette giovani nobili, i quali, a partire dal 1601, erano soliti riunirsi tutti i venerdì all’ospedale degli incurabili per mettere in atto a loro spese un programma di opere assistenziali che avevano l’obiettivo di dare cibo agli ammalati. Col tempo le opere caritatevoli aumentarono fino ad accumulare anche un cospicuo capitale a fondo benefico, che ammontava a 6.328 ducati, da destinare ai non abbienti.

Nel 1602 fu fondato per questi motivi il Pio Monte della Misericordia, ente istituzionale che si occupò da quel momento di far convergere le risorse e di organizzare le attività benefiche, che consistevano in quel momento nel soccorrere gli indigenti, assistere gli infermi, riscattare gli schiavi cristiani dagli infedeli, assistere i carcerati, liberare i detenuti per debiti e dare alloggio ai pellegrini. Nel 1603 venne redatto lo statuto del Pio Monte con approvazione dapprima del viceré Giovanni Alfonso Pimentel de Herrera, e poi con l’avallo di papa Paolo V nel 1605., avvenuto quest’ultimo nel 1605.

Nato come istituzione benefica laica, tra le più antiche e attive della città, ospita al suo interno una chiesa seicentesca dov’è conservata la tela delle “Sette opere di Misericordia” del Caravaggio, tra le più importanti pitture del Seicento, ed altri prestigiosi dipinti dello stesso secolo appartenenti alla scuola napoletana.

In fuga da Roma, Caravaggio arrivò nei vicoli di Napoli nel 1606 ed è proprio lì che ambientò uno dei dipinti più belli del suo genio artistico. L’opera fu commissionata all’artista lombardo dalla congregazione benefica del Pio Monte della Misericordia, la quale era costituita da aristocratici che volevano per la loro chiesa una pala d’altare raffigurante le opere della carità, ossia le sei enunciate dal Cristo nel Vangelo secondo Matteo e la sepoltura dei morti, che all’epoca costituiva una nota dolente a causa della recente carestia. Il dipinto costituisce un’autentica composizione rivoluzionaria e raffigura nella parte superiore la Madonna col Bambino sorretta da angeli in volo mentre nella parte inferiore le sette opere caritatevoli.

Nella pala d’altare, pagata 400 ducati, si concentrano contrasti cromatici di luci e ombre che delineano i contorni e le carni dei personaggi. Nella complessità della scena affollata è possibile così notare “dar da mangiare agli affamati e visitare gli infermi”, “ospitare i pellegrini”, “vestire gli ignudi”, ecc..

Quando: domenica 16 dicembre
Orario: ore 11:00
Durata: 1h
Dove: appuntamento ore 10:45 a Piazza Riario Sforza (di fronte l’ingresso del Pio Monte della Misericordia), Via dei Tribunali 253.

Contributo: 10€* (biglietto del Museo + visita guidata)
Info e Prenotazione obbligatoria: respiriamoarte@gmail.com 3314209045
*parte del contributo sosterrà le attività culturali e di valorizzazione dell’ Associazione Respiriamo Arte

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.