Oscar Pistorius libero: nove anni per l’omicidio di Reeva Steenkamp

0
Oscar Pistorius Libero Nove A

Oscar Pistorius libero: nove anni per l'omicidio di Reeva Steenkamp - ilvaporetto.com

Oscar Pistorius ottenuta la libertà vigilata dopo nove anni di carcere

Oscar Pistorius, l’ex atleta paralimpico e olimpico, è stato rilasciato dopo aver scontato nove anni di carcere per l’omicidio della sua fidanzata, Reeva Steenkamp. Nel 2013, nel giorno di San Valentino, Pistorius sparò quattro volte attraverso la porta chiusa del bagno, uccidendo la modella 29enne. Oggi, ottenuta la libertà vigilata, vivrà a casa di suo zio Arnold Pistorius a Waterkloof, un sobborgo esclusivo di Pretoria, in Sudafrica. La libertà vigilata durerà fino al 2029, alla scadenza della sua condanna. Durante questo periodo, Pistorius dovrà partecipare a laboratori sulla violenza di genere e sulla gestione della rabbia, e sarà soggetto a diverse restrizioni, tra cui il divieto di consumare alcolici e di rilasciare interviste.

La dichiarazione della madre di Reeva Steenkamp

La madre di Reeva, June Steenkamp, ha rilasciato una dichiarazione attraverso il loro avvocato di famiglia, esprimendo il dolore e la mancanza che la sua famiglia ha vissuto a seguito della perdita della figlia. Ha affermato: “Non potrà mai esserci giustizia se la persona amata non tornerà mai più, e nessuna quantità di tempo scontato riporterà Reeva indietro. Noi siamo quelli che scontano l’ergastolo.” June Steenkamp ha anche sottolineato il desiderio della sua famiglia di poter vivere in pace, evidenziando come l’invadenza dei media abbia esacerbato il loro dolore, costringendoli a cambiare casa e causando gravi difficoltà finanziarie a causa delle spese legali.

La storia giudiziaria di Oscar Pistorius

Inizialmente condannato nel 2014 per omicidio colposo, Pistorius aveva scontato una pena detentiva di cinque anni, seguita da arresti domiciliari presso la residenza di suo zio. Tuttavia, nel dicembre dello stesso anno, la corte suprema d’appello ha annullato la sentenza precedente, dichiarando Pistorius colpevole di omicidio volontario, sostenendo che l’atleta avrebbe dovuto prevedere la possibilità di uccidere qualcuno quando aveva sparato. Nel 2016, la sua condanna fu aumentata a sei anni di carcere, ma successivamente la Corte Suprema ha stabilito che questa sentenza era troppo clemente e l’ha aumentata a 15 anni, meno il tempo già scontato. La decisione di concedergli la libertà vigilata è stata presa nel novembre scorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *