Il portale d'informazione della tua città

Pedagogia – Gli occhi: quello che le parole non rivelano

0 648

8694379424_c8f5828aab_zGli occhi sono lo specchio dell’anima. Quante volte avrete sentito questa frase?

Guardarsi negli occhi durante una conversazione ci dà la possibilità di instaurare una fiducia reciproca, un gesto semplice e che spesso ci consente di cogliere le verità celate dietro le parole. In diverse occasioni, e ancor di più nelle relazioni amorose, guardarsi negli occhi ci fa provare la sensazione di riuscire a leggere scritti più profondi, che le parole non sono in grado di esprimere.

La necessità dell’uomo di catapultare i propri pensieri all’esterno della propria mente nasce dal suo irrefrenabile bisogno di relazionarsi con gli altri, questo accade perché, per usare un termine squisitamente Aristotelico, l’uomo è un animale sociale che tende per natura ad aggregarsi con altri individui e a costituirsi in società. Durante l’evoluzione l’uomo ha elaborato un metodo che gli consente in ogni occasione di manifestare le sue emozioni e di trasmettere i suoi pensieri: “la parola”.

Oggi la parola è divenuto il mezzo di comunicazione più diffuso, o quanto meno il più utilizzato, ma che purtroppo, ci fa trascurare gli altri comportamenti che comunque hanno valore di messaggio. La parola infatti si fa rappresentante dei nostri pensieri ma talvolta può generare fraintendimenti.

Osservare il linguaggio del corpo ci aiuta a capire ciò che l‘altro pensa della conversazione e sono tanti gli atteggiamenti che possono svelare la propria idea anche senza pronunciare parola.

Ogni comportamento ha valore di messaggio come ci insegna Paul Watzlawick nel 1971 nel suo testo Pragmatica della comunicazione umana, nel quale asserisce: “ogni comportamento è comunicazione e dunque non si può non comunicare”.

Il nostro corpo svela i messaggi più segreti ma bisogna saper ascoltarli, un atteggiamento o un’espressione del viso può essere determinante al fine di comprendere se l’altro è in accordo o in disaccordo, o anche solo per farci capire se sta prestando attenzione o meno al dialogo.

Può sembrare superfluo credere che una carezza, un abbraccio o un bacio dimostrino tanto affetto eppure questi gesti si argomentano senza la necessità di parlare. Le espressioni del viso o gli occhi languidi trasmettono emozioni che pur volendo non si riuscirebbero a spiegare, pena il rischio di ridimensionare quell’atmosfera che si crea in un momento di assoluto scambio sincero.

Ecco perché bisogna credere che ogni nostro gesto sia un messaggio, ed è altrettanto importante osservare e valorizzare le espressioni che gli occhi sono capaci di rivelare: la sostanza appagante delle emozioni condivise.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.