Sanremo 2024: lo stylist Rebecca Baglini svela i look degli artisti

0
Sanremo 2024 Lo Stylist Rebec

Sanremo 2024: lo stylist Rebecca Baglini svela i look degli artisti - ilvaporetto.com

La settimana di Sanremo è la più attesa dell’anno per la musica e gli abiti capaci di rimanere nella storia del costume. Dietro all’outfit perfetto, capace di colpire il pubblico e restare nell’immaginario collettivo, c’è il lavoro dietro le quinte di una figura professionale che si è fatta strada negli ultimi anni: lo stylist.

Abbiamo chiesto a Rebecca Baglini di parlarci dei look degli artisti che veste a Sanremo 2024: Dargen D’Amico, Negramaro, Malika Ayane, i Ricchi e Poveri e Mattia Stanga.

Un look che rappresenta l’identità di un cantante

“Il lavoro che intraprendo con gli artisti a Sanremo, ma anche nelle altre occasioni in cui salgono su un palco, è mixare il loro stile personale, quello che vogliono comunicare con la loro musica e un mio tocco personale che nasce dallo studio e dall’esperienza. Il risultato è uno stile che non snatura l’identità del cantante ma aggiunge un surplus grazie a dettagli nati dalla conoscenza della storia della moda, dal DNA dei brand e dalla fattura dei capi. Un outfit senza ricerca e consapevolezza è solo un insieme di abiti, mentre il valore aggiunto deriva dalla competenza e dalla conoscenza. Solo così è possibile portare sul palco un look pieno di significato”, spiega Rebecca Baglini.

L’importanza della moda a Sanremo

“Molto importante. Direi il 50 per cento del successo di un artista. La moda ne rafforza la presenza sul palco, intensifica il messaggio e, soprattutto, aiuta a canalizzare l’attenzione”, afferma lo stylist.

Ispirazioni e concept per gli artisti in gara

“Si parte sempre dalla personalità di ogni artista. Poi mi concentro su quello che vuole comunicare nello specifico. Per Dargen D’Amico ho studiato dei look che rafforzassero il messaggio sociale che la sua canzone propone attraverso dettagli sottili ma potenti. Per Malika Ayane l’ispirazione è arrivata da un abito storico indossato da Mina, poetico e iconico. Un rimando alla storia del costume. Per i Ricchi e Poveri invece ho scelto brand giovani e di tendenza che potessero portare freschezza a una band che rappresenta la storia della musica italiana. Per Mattia Stanga le parole d’ordine sono state ‘ironia’ e ‘divertimento’. Infine per i Negramaro ho voluto accostare brand iconici e storici italiani ad alcuni più giovani, per un risultato innovativo ma senza eccessi”, rivela Baglini.

Il processo creativo e di selezione dei look

“Una volta compreso il messaggio che vogliamo comunicare il passo successivo è pensare ai brand che possano supportarlo. Questo avviene grazie alla conoscenza della storia dei singoli marchi, uno studio che riguarda il Dna del brand stesso e che fa la differenza nel risultato finale. Subito dopo contattiamo l’ufficio stile del marchio e da lì inizia la collaborazione che coniuga le mie idee e con le necessità tecniche dell’artista e la creazione di uno stile che possa portare in scena un’emozione”.

“Il trend dell’hype senza una storia, una base culturale, un perché, ha vita breve. La cosa più importante è far capire che la moda può essere uno strumento per comunicare cultura, perché tutto appare piatto ed effimero senza un messaggio, una profondità di significato” afferma la stylist.

Alcuni look nel dettaglio

Negramaro

I Negramaro vestiranno una selezione di look custom-made di Paul & Shark durante la prima serata e in quella del 9 febbraio dedicata alle cover in cui duetteranno con la cantante Malika Ayane. I look sono stati pensati con un racconto preciso e coerente, rappresentando, tramite la ricorrente luminescenza dei tessuti, la naturale luminosità degli specchi d’acqua che brillano nelle notti più buie con la luna che riflette i suoi bagliori sulla superficie. Il mare, ricorrente nei testi dei Negramaro, è anche, da sempre, il punto di partenza per il racconto del brand.

Dargen D’Amico

Dargen D’Amico indosserà capi Moschino per il red carpet inaugurale e in tutte le serate del 74° Festival di Sanremo. Grazie alla collaborazione tra l’artista e Rebecca Baglini sono stati creati 6 look su misura, ognuno dei quali presenta una chiara reference ad abiti e stampe d’archivio della Maison, che comprendono abiti, calzature ed esclusivi occhiali da sole realizzati come pezzi unici.

Ricchi e Poveri

Rebecca Baglini ha voluto intrecciare i simboli della storia della moda ad una visione attuale, accostando la band a stilisti giovani e innovativi. La tradizione abbraccia il cambiamento con un risultato mai banale che coniuga con equilibrio classico e moderno.

Chi è Rebecca Baglini

Rebecca Baglini è una stylist e creative director che vive a Milano. Nata a Pietrasanta nel 1985, durante il suo percorso di studi a Firenze inizia a coltivare la sua passione per la moda. Dopo la laurea magistrale in Lettere e Filosofia decide di iniziare un master in Fashion Styling presso lo IED, ed in Fashion and Fabric Consultant al Wimbledon College of Art. Dal 2013 lavora con diversi artisti: Alessandro Cattelan, Negramaro, Malika Ayane, Dargen D’Amico, Mattia Stanga, Ricchi e Poveri, Rocco Fasano e Paola di Benedetto. Ha firmato lo styling di varie serie Netflix e Amazon, passando per importanti collaborazioni con Arisa, Marracash, Marco Mengoni, Maneskin, Tommaso Paradiso, Emma Marrone, Sottotono, Tiziano Ferro, Joan Thiele, Motta, Elettra Lamborghini, Federico Rossi, Francesca Michielin e Ultimo. Dal 2018 collabora con diversi brand fornendo la sua consulenza stilistica e direzione creativa.

Articolo Originale: Link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *