Il portale d'informazione della tua città

“Sputaveleno”, il nuovo capolavoro di Federico Salvatore

0 432

Federico Salvatore, in questi anni, ci ha abituati a veri e propri capolavori del cantautorato napoletano, un artista che, attraverso le sue canzoni, ha saputo sondare i vizi, le dissolutezze e le debolezze di un popolo smemorato, che troppo spesso ha rinnegato il suo passato e la sua identità. “Sputaveleno” è senza dubbio uno di quei capolavori, un’accusa sferzante, spassionata e comunque velata di sincera amarezza, diretta a chi per diletto e per mero interesse calpesta la cultura e la storia di una città millenaria. Federico, senza mezzi termini, proprio come ci ha abituato in questi anni, punta il dito sui ruffiani di questa città, su chi ha avvelenato la sua identità e su tutti coloro che negli anni l’hanno barbaramente tradita nel nome del profitto. Federico, come solo lui sa fare, ci narra della città tradita dai suoi stessi abitanti; e in fondo, a ben pensarci, è proprio questa la storia di Napoli.

“A tutte sti guagliune del Duemila
ca cchiù nun sanno chi è Pulicenella
zucanno bibberon ‘e Coca-Cola
e cu nu smartphone int’’a cartella.
Nisciuno sape chi ll’ha dato ‘o sfratto
si è vivo ancora oppure l’hanno acciso.
Niscuno sape cchiù che fine ha fatto
si stà all’Inferno oppure Mparaviso.
Invece i’ penzo ch’è sagliuto ncielo
ma no pe ffà cu ‘e sante nu cumplotto
Pulicenella c’è sagliuto sulo
pe sputà ncapo a nnuie ca stamme ‘a sotto.

E nun ce pò servì l’Elmo di Scipio
p’arrepararce ‘a capa e ‘o cereviello
si ammo cagnato in Piazza Municipio
‘o nomme antico ‘e Largo d’’o Castiello.
Addò nascette ‘o primmo San Carlino
e ‘a maschera ‘e ll’oppressa servitù
mò stà nzerrata ncoppa San Martino
cu ‘a rrobba vecchia ca nun se porta cchiù.
Sputazze, sputazzune e sputazzelle
una ncasata a piazza Carlo Terzo
addò stu Rre pe tutt’’e puverielle
vulette fa n’albergo a tiempo perzo.

E manco ‘o mbrello ch’è cchiù rifinito
pò arreparà sti figlie ‘e n’ata razza
ca ‘un sanno cchiù ca Piazza Plebiscito
è stata ‘a morte ‘e Largo d’’o Palazzo.
Addò s’aizava p’ogni figlio ‘e mamma
chill’albero ‘e Cuccagna ‘e Re Nasone
primma se so’ sfamate ‘e muortefamma
e po’ l’hanno chiammato Lazzarone.
E sott’’o viento d’’e repubblicane
stennètteme ‘a bandiera d’’e Francise
pecchè simme nu popolo ruffiano
ca cagna cchiù padrune ca cammise.

Sputazze fatte ‘e lacreme salate
ca sperciano sicuro ogni cappiello
pe Ferdinando ca fuje avvelenato
e pe ll’esilio triste ‘e Francischiello.
‘O pata pata ‘e tutt’’e sputazzune
saglienno da Tuledo a Capemonte
pe chi ha vasato ‘e mmane d’’e Burbune
e po’ ha alleccato ‘o culo d’’o Piemonte.
Tanti sputazze quante songo ‘e stelle
cusute int’’a bandiera Americana
hamm’arapute ‘e ccosce pure a cchille
pe ddoi Camèll e pe nu piezzo ‘e pane.

Sputazze grosse quant’è na meraglia
pe chi s’è rassignato all’omertà.
Politica, camorra e munnezzaglia
hanno cagnato ‘a faccia ‘e sta città.
E manco tutt’’e ccupole d’’e cchiese
ce ponno arreparà ‘a stu diluvio,
Pulicenella è n’atu Cristo sciso
ca porta ‘a croce soia ncopp’’o Vesuvio.
E sott’’a cchesta croce senza sole
addò stà scritto Esame d’’a cuscienza
se danno ‘o pugno mpietto ddoi figliole
Santa Ignoranza e Mamma d’’a Pacienza.

E vuie guagliune senza cchiù memoria
che applaudite ogni cacapenziere
cercate d’arapì nu libbro ‘e storia
ca ve pò ddì chi simme state aiere.
A tutte sti guagliune del Duemila
ch’hanno perduto ‘o suono ‘e na tammorra
si dint’’e rrecchie ‘a musica ch’appila
è chella d’’e ppallottole ‘e Gomorra.
L’urdema sputazzata spetta a mme
m’’a mmèreto pur’io fra capo e cuollo
pecchè si veco ‘o mmale attuorno a me
nun faccio niente e po’ me chiagno ncuollo.

E chi me dice ca sta poesia
è ‘a solita canzone ca s’affaccia
‘a na fenesta di demagogia
io nun rispongo. ‘O sputo sulo nfaccia.”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.