Titolo: Polemiche al Festival di Sanremo: le parole di Ghali e la censura su Dargen D’amico

0
Titolo Polemiche Al Festival

Titolo: Polemiche al Festival di Sanremo: le parole di Ghali e la censura su Dargen D'amico - ilvaporetto.com

Il Festival di Sanremo 2024 si è concluso, ma la polemica è ancora accesa e coinvolge Domenica In, Mara Venier e la rete.

Una presa di posizione controversa: le parole di Ghali

Durante il suo intervento, Ghali ha risposto a un duro comunicato dell’ambasciatore israeliano che condannava la manifestazione di posizioni politiche sul palco dell’Ariston. A seguito di una domanda del giornalista Luca Dondoni, l’artista ha espresso il suo punto di vista in maniera esplicita:

“Ritengo vergognoso che il palco del Festival di Sanremo sia stato sfruttato per diffondere odio e provocazioni in modo superficiale e irresponsabile. Nella strage del 7 ottobre, tra le 1200 vittime, c’erano oltre 360 giovani trucidati e violentati nel corso del Nova Music Festival. Altri 40 di loro sono stati rapiti e si trovano ancora nelle mani dei terroristi insieme ad altre decine di ostaggi israeliani. Il Festival di Sanremo avrebbe potuto esprimere loro solidarietà. È un peccato che questo non sia accaduto”.

Il cantante ha continuato il suo intervento anche dal palco di Domenica In, rispondendo con stupore alle dichiarazioni dell’ambasciatore:

“Mi dispiace che abbia risposto in questo modo, ci sono tante cose da dire, proprio queste. E per cosa lo devo usare? Io sono un musicista ancora prima di essere su questo palco. Ho sempre parlato di questo fin da quando sono bambino, non è dal 7 ottobre e internet può documentare. Questa cosa va avanti già da un po’. La gente ha sempre più paura di dire ‘stop alla guerra e stop al genocidio’ e il fatto che lui dica così non va bene, continua questa politica del terrore. Le persone sentono che vanno a perdere qualcosa se dicono ‘viva la pace’ e non deve succedere. L’Italia porta valori completamente opposti. Ci sono dei bambini di mezzo”.

Reazione ufficiale e censura

Poco dopo l’intervento di Ghali, è stato diffuso un comunicato dai vertici della Rai e dall’Amministratore Delegato Roberto Sergio che ha lanciato ulteriori dibattiti. Durante la trasmissione di Domenica In, Mara Venier ha letto il comunicato in cui Sergio afferma:

“Ogni giorno i nostri telegiornali e i nostri programmi raccontano e continueranno a farlo, la tragedia degli ostaggi nelle mani di Hamas, oltre a ricordare la strage dei bambini, donne e uomini del 7 ottobre. La mia solidarietà al popolo di Israele e alla Comunità Ebraica è sentita e convinta”.

La reazione di Mara Venier ha scatenato ulteriori polemiche sulla sua posizione politica:

“Parole che ovviamente condividiamo tutti”.

Ma non è finita qui. Durante la trasmissione di Domenica In, è stata censurata l’intervento di Dargen D’amico. La Venier ha addirittura rimproverato i giornalisti per aver posto domande “scomode”. In un momento di sincerità, Dargen D’amico ha espresso la sua opinione esprimendo anche la necessità di scusarsi successivamente:

“Quello che gli immigrati immettono nelle casse dello Stato per pagarci le pensioni è più di quello che spendiamo per l’accoglienza. Queste sono statistiche che andrebbero raccontate”.

La censura di Dargen D’amico e le sue parole hanno alimentato ulteriori controversie nel contesto già infuocato del Festival di Sanremo.

Sarà interessante vedere come si svilupperanno queste polemiche e come le star coinvolte reagiranno a questo clima di tensione e dibattito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *