Abbassare il colesterolo: ecco quali cibi scegliere – LISTA

La lotta la colesterolo costituisce per una buona percentuale di persone non una forma di opzione ma una vera priorità, in modo particolare per la popolazione over 40, ed anche se in alcuni casi rappresenta una tendenza più che una vera malattia, sottovalutare questo dato porta anche ad inevitabili problematiche inerenti l’apparato circolatorio, cuore incluso. Incide molto la dieta, e la qualità della stessa anche se in modo non così diretto come molti possono pensare. Abbassare il colesterolo alto costituisce un’azione indispensabile per molti, esistono alcuni cibi decisamente adatti allo scopo.

Abbassare il colesterolo: ecco quali cibi scegliere – LISTA

E’ bene ricordare che il colesterolo non è il “male” in senso assoluto, quando si definsce quello “cattivo” si fa ricorso ad un termine come LDL (lipoproteine a bassa densità) che è la  variante dannosa.

Si tratta in linea generale di una forma di lipide, ossia un grasso che in un organismo sano presenta una forma di nutrimento cellulare ed è altresì importante per altre funzioni, ma se la variante LDL prende il sopravvento sulla variante “buona”, definita colesterolo HDL (lipoproteine ad alta densità), si crea un disequilibrio e la variante LDL prevale, accumulandosi nelle arterie.

Chi soffre di colesterolo alto, generalmente lo manifesta per predisposizioni genetiche, stile di vita eccessivamente sedentario ma anche dieta non corretta.

Tra i cibi che al contrario possono aumentare la capacità dell’organismo di eliminare la variante LDL in eccesso (ruolo che è delegato proprio alla variante HDL), spiccano i seguenti:

  • Alimenti ricchi di omega 3, come il pesce sufficientemente grasso, dal tonno al salmone, che contribuisce nelle giuste quantità a regolarizzare i trigliceridi nel sangue.
  • Legumi di ogni tipo, che oltre ad essere ricchi di ferro sono anche famosi per il loro apporto di fibre, altro elemento utile.
  • In generale frutta e verdura, contribuisce grazie alle fibre ed altri elementi a tenere a bada i livelli di colesteerolo LDL.
  • Olio d’oliva, che è ricco di acidi monosaturi, estremamente “fortificante” per il colesterolo buono.

colesterolo