Un’eccellenza italiana: Carlo Pignatelli punta all’espansione globale

Un'eccellenza italiana: Carlo Pignatelli punta all'espansione globale - IlVaporetto.com

Ampliamento dell’orizzonte: i nuovi obiettivi commerciali

La maison Carlo Pignatelli, orgoglio dell’artigianato italiano, punta a conquistare nuovi mercati oltre i confini nazionali. Il recente annuncio del ceo Alessandro Rossi, durante la presentazione della collezione primavera estate alla Reggia di Venaria, conferma l’ambizioso progetto di espansione. L’obiettivo principale è conquistare terreno nei mercati dell’Asia e dell’India, puntando a valorizzare la tradizione sartoriale italiana con influenze esotiche e innovative.

La collezione rivoluzionaria: un mix di tradizione e modernità

La sfilata di presentazione della nuova collezione ha stupito il pubblico e gli addetti ai lavori con un mix esplosivo di eleganza classica e creatività inedita. Gli abiti, pur mantenendo un legame con le radici sartoriali e cerimoniali del marchio, si sono impreziositi di colori vivaci e tagli moderni ispirati all’arte e alla cultura indiana. Materiali pregiati e dettagli raffinati, come tessuti lavorati e calzature maschili originali, conferiscono agli abiti un fascino unico e inimitabile, capace di catturare l’attenzione di un pubblico internazionale sempre più vasto.

Un nuovo corso per Carlo Pignatelli: strategie vincenti per il futuro

Il recente cambio alla guida dell’azienda, con l’ingresso del ceo Alessandro Rossi e la nuova struttura societaria guidata dalla holding Gd, segna un momento di svolta per il marchio torinese. La presenza dei fondatori Francesco Gianfala e Riccardo di Battista garantisce continuità e innovazione, mentre l’imprenditorialità e la visione globale del team promettono nuove prospettive di crescita e successo. L’obiettivo è chiaro: rilanciare il brand Carlo Pignatelli a livello internazionale, valorizzando il suo patrimonio storico e proiettandolo verso nuovi traguardi di prestigio e riconoscimento nel panorama della moda mondiale.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *