Alfonsina Morini Strada: un’esempio di emancipazione femminile attraverso lo sport

Alfonsina Morini Strada: un'esempio di emancipazione femminile attraverso lo sport - IlVaporetto.com

L’eredità di Alfonsina Morini Strada

È il 22 maggio 1924 quando Alfonsina Morini Strada, unica donna a partecipare al Giro d’Italia, combatte nonostante un’infiammazione al ginocchio, arrivando penultima e con tre ore di ritardo nella tappa da Foggia all’Aquila. A distanza di cento anni, l’associazione Fiab L’Aquila più bici in città rende omaggio a questa impresa con una pedalata commemorativa.

Un tributo alla ciclista pioniera

L’iniziativa, aperta a tutti i partecipanti previa registrazione sul sito dell’associazione, mira a celebrare Alfonsina come precursore dell’emancipazione femminile attraverso il mondo dello sport. Questo omaggio si inserisce in una serie di eventi proposti dall’associazione, tra cui l’allestimento di una vetrina presso la libreria Polarville con cimeli e pubblicazioni legate all’epoca d’oro del ciclismo agonistico, suscitando grande interesse tra il pubblico.

Dal ricordo all’intitolazione toponomastica

Nel 2022, Fiab ha avanzato al Comune dell’Aquila una petizione per intitolare una via o piazza ad Alfonsina Strada, in vista del centenario dell’evento. Dopo il via libera dell’Ufficio Toponomastica nel 2023, è in corso la procedura per la scelta e l’effettiva intitolazione toponomastica. Mercoledì 22, alcuni membri dell’associazione percorreranno un anello che tocca diversi comuni vicini, con ritrovo previsto alle 14.30 nei pressi di Porta Napoli. Le iscrizioni sono aperte sul sito www.andiamoinbici.it e www.fiablaquila.it.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *