Drammatica retrocessione del Sassuolo in Serie B

Drammatica retrocessione del Sassuolo in Serie B - IlVaporetto.com

La fine di un ciclo dorato

Dopo undici anni in Serie A, il Sassuolo è ufficialmente retrocesso in Serie B, mettendo fine a un’epoca di successi e gloria per il club neroverde. La squadra, che aveva conquistato anche una storica qualificazione in Europa League nel 2016, ha subito una progressiva perdita di valore a causa della cessione di giocatori chiave come Frattesi, Scamacca, Locatelli, Raspadori e Acerbi, senza che essi venissero adeguatamente rimpiazzati.

L’era di Mister Mapei e il declino

Giorgio Squinzi, noto come Mister Mapei, aveva preso le redini del Sassuolo nel lontano 2002, conducendo il club dalle serie minori fino alla massima serie e costruendone un esempio di virtuosità nel calcio italiano. Tuttavia, dopo la scomparsa di Mapei nel 2019, il destino del club è stato segnato da un progressivo declino. Nonostante l’alternanza di grandi allenatori come Allegri, Pioli, Di Francesco e De Zerbi, l’ultimo mercato si è rivelato un fallimento, contribuendo al disfacimento della squadra.

I fattori ambientali e l’indifferenza alla retrocessione

Oltre ai problemi tecnici e gestionali, anche il contesto ambientale ha giocato un ruolo nella retrocessione del Sassuolo. Lo stadio di proprietà del club è spesso stato invaso dai tifosi ospiti, creando un clima poco favorevole per la squadra neroverde. Inoltre, la mancanza di una vera identità legata alla città di Reggio Emilia e la scarsa affluenza di tifosi ai match casalinghi hanno contribuito alla perdita di motivazione della squadra. La retrocessione è stata accolta con quasi totale indifferenza, ad eccezione di alcuni faccia a faccia con i tifosi delusi. L’infortunio di Berardi, leader tecnico del Sassuolo, ha ulteriormente aggravato la situazione e contribuito al crollo della squadra in campo, portandola alla retrocessione. Con un futuro incerto per dirigenti e giocatori, il Sassuolo si appresta a vivere un’importante fase di transizione nella speranza di poter tornare presto alla ribalta del calcio italiano.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *